san severino blues

San Severino Blues, RANDOLPH MATTHEWS trio from London

sabato 30 maggio 2015 ore 21.00
LA VILLA località Cesolo S.SEVERINO MARCHE (MC)
(sulla strada che dall’Ospedale di S.Severino conduce a Cingoli)
cena+concerto 25 €
posti limitati, prenotazione obbligatoria al 331.9336455
evento a cura dello staff dell’Hotel 77 di Tolentino

RANDOLPH MATTHEWS trio from London
E’ l’evento finale della IX edizione Winter di San Severino Blues, un concerto primaverile, ideale ponte verso la prossima 24° edizione estiva del festival. La Villa, residenza storica settecentesca in località Cesolo, appena fuori San Severino, è la nuova suggestiva location che ospiterà la cena ed il concerto di Randolph Matthews, in arrivo da Londra. Un evento speciale per un artista speciale: vocalist, compositore e produttore londinese, straordinario performer della beatbox, la tecnica che riproduce gli strumenti musicali con la voce, famosa grazie al maestro Bobby McFerrin. E’ un cantante molto singolare: allo stile tipicamente soul unisce lo scat del jazz, la sperimentazione di Bobby McFerrin, influenze elettroniche ed etniche, una poetica delicata ed un certo umorismo inglese, che lo rendono unico nel panorama musicale europeo. Con la loop machine sovrappone linee melodiche e percussive in tempo reale, creando orchestrazioni vocali particolari, molto evocative, come nell’ultimo cd Precious, frutto della sua meravigliosa creatività, registrato praticamente da solo. Ha lavorato con diverse forme d’arte, fatto tours in tutto il mondo, calcato prestigiosi palchi di Londra come Royal Albert Hall e Ronnie Scott’s jazz club. Ha collaborato con svariati artisti tra i quali Amp Fiddler, Grace Jones, Terry Callier, Richard Bona, Don Blackman, Jazzanova, Giles Peterson, Beverley Knight, Suen Kuti, Angelique Kidjo, Arthur Baker, Will Downing. Con lui ci sono Alessandro Diaferio, premio Miglior Chitarrista Acustico Italiano 2007, e Pablo Leoni alle percussioni.

Randolph Matthews voce
Alessandro Diaferio chitarra
Pablo Leoni percussioni

Posted in musica.

Lascia un commento