Il cielo di Gennaio 2016

Il cielo di gennaio regala un fenomeno raro e spettacolare: Venere, Marte, Giove, Saturno e Mercurio allineati tra loro. Un “filotto” che non si verificava dal 2005 e che sarà possibile osservare dagli ultimi giorni di gennaio fino a metà febbraio, alle prime luci del mattino.

Per i cacciatori di pianeti meno pratici la Luna potrà essere utilizzata come marker per inseguire l’allineamento sapendo che: Il 28 gennaio sarà vicino a Giove, mentre il 1° febbraio, all’ultimo quarto, sarà al fianco di Marte. Il 4 febbraio sarà più prossima a Saturno, per poi affiancarsi a Venere il 6. Una sottilissima falce di Luna sarà appena sotto Mercurio nella giornata del 7 Febbraio.

7 Gennaio: tripla congiunzione Venere-Saturno-Luna
Anche nella notte successiva all’Epifania, questi tre astri rimangono vicini tra loro, in particolare, la Luna è equidistante sia da Venere sia da Saturno, quasi a formare un triangolo isoscele (circa 3°). Sotto di loro sempre presente Antares.

6 Gennaio: Venere, Saturno, Antares e la Luna vicini tra loro.

Poco prima dell’alba ecco spuntare due oggetti brillanti nel cielo: si tratta di Venere, “stella del mattino” ormai già da qualche settimana, e Antares, stella principale dello Scorpione. I due astri saranno separati da una distanza di circa 6,5°. A far loro compagnia poco sotto Venere troviamo anche Saturno. Spontandoci verso ovest troviamo altri due astri vicini tra loro: il pianeta rosso Marte e la principale stella della Vergine, Spica.

9 Gennaio: il “bacio” tra Venere e Saturno
Ai limiti dell’occultazione tra pianeti (evento rarissimo) i due oggetti, nelle prime ore del mattino: solo 0,1° di distanza, davvero pochissimo. Attorno alle 6 del mattino, sempre in compagnia di Antares, Venere e Saturno si troveranno davvero vicini, poco sopra l’orizzonte in direzione sud-est.10 Gennaio: Luna Nuova
17 Gennaio: Luna in Primo Quarto
Visibile per gran parte della serata, è nel momento migliore per osservarla e fotografarla.19 Gennaio: la cometa Catalina al perigeo
Protagonista a dicembre, è ancora visibile la cometa Catalina, che si sta progressivamente allontanando dal Sole e che perciò si trova nell’ultimo periodo utile per l’osservazione (da ricordare che, essendo una cometa extrasolare, non ripasserà mai più nel nostro sistema solare).
Visibile alta nel cielo, nei pressi della costellazione dell’Orsa Maggiore, in particolare, a breve distanza dalla stella Mizar

20 Gennaio: congiunzione Luna-Aldebaran
Nel cuore della notte congiunzione ravvicinata del nostro satellite con la principale stella della costellazione del Toro, Aldebaran. Saranno vicinissime qualche ora più tardi, verso le 04:30, quando però purtroppo, saranno già tramontate.

24 Gennaio: Luna Piena

28 gennaio: congiunzione Luna-Giove
Poco prima delle 02:00 ecco la congiunzione tra la Luna e Giove, separati da circa 2°. Saranno visibili già da dopo il tramonto e saranno visibili per tutta la notte, fino alle prime luci dell’alba.

30 Gennaio

Allineamento visibili a occhio nudo dei cinque pianeti; Mercurio, Venere, SaturnoMarte e Giove si aggiungerà (alla giusta distanza dagli altri, quasi a rispettare la cadenza!) anche un magnifico ultimo quarto di Luna.

Per riuscire a osservarli, nel breve intervallo che passa dal momento in cui anche il più basso sarà uscito dall’orizzonte a quello in cui il cielo comincia a schiarire, sarà necessario fare un piccolo sacrificio alzandosi prima dell’alba. L’ora consigliata è quella delle 6:45.

Il primo febbraio la Luna, autentica mina vagante, si avvicinerà a Marte e il 4 febbraio a Saturno, per poi affiancarsi a Venere il 6. Una sottilissima falce sarà invece osservabile appena sotto Mercurio il 7 febbraio.

Di sfondo, saranno forse visibili (dipenderà dalla trasparenza e dall’oscurità del cielo) anche le stelle più luminose, come Antares nello Scorpione, Spica nella Vergine e Regolo nel Leone.

I cinque pianeti saranno di nuovo osservabili tutti insieme, ma nel cielo notturno, il prossimo agosto.

 

pianeti-kD0Corriere-Web-Sezioni

 

Fonti:

 

Posted in Astronomia and tagged , , , , , , , .

Lascia un commento