“Contro Corrente”, ciclo di conferenze promossi dall’Osservatorio Misa

Inizia la seconda stagione di “Contro Corrente”, un nuovo ciclo di incontri promossi dall’Osservatorio Misa con lo scopo di approfondire diversi aspetti legati al nostro fiume e al suo bacino: il ruolo del consorzio di bonifica e degli agricoltori, le modalità di intervento sul Misa, l’impatto dei cambiamenti climatici.

Abbiamo iniziato questo percorso di analisi e comprensione dei problemi di dissesto idrogeologico con una prima assemblea pubblica un mese dopo l’alluvione del 3 maggio 2014.
Ad inizio 2015 si teneva il primo ciclo di conferenze “Contro Corrente”, durante il quale sono emerse riflessioni, critiche ma soprattutto proposte per una visione di sistema e un’agenda di interventi organica e coerente.

A due anni dall’alluvione vogliamo capire lo stato dell’arte, le azioni intraprese, quelle ancora da svolgere, i problemi e le difficoltà che abbiamo di fronte nel governo del territorio della valle del Misa e del Nevola.

Ricchi delle esperienze precedenti, abbiamo cercato una impostazione “a confronto”, magari tra soggetti che hanno interessi o opinioni diverse o contrastanti, con l’obiettivo di sempre: contribuire alla ripresa del dibattito cittadino nella direzione di interventi efficaci, tempestivi, sostenibili e condivisi.

Gli incontri si svolgeranno presso la Sala della Mediateca Comunale di Senigallia, sopra il Foro Annonario, con inizio alle ore 17.30. All’appuntamento di mercoledì 23 ne seguiranno altri tre: l’8, il 14 e il 21 aprile.

All’Osservatorio Misa aderiscono: Associazione Confluenze, Rete Economia Etica e Solidale Marche, GIO, Legambiente, Comitato a difesa del territorio area agricola di compensazione idrica località Brugnetto.

L’Osservatorio Misa è su:
– Facebook, con l’hashtag #OsservatorioMisa:www.facebook.com/hashtag/osservatoriomisa
– YouTube, dove sono disponibili i contenuti (audio e slide) del primo ciclo di “Contro Corrente”:https://www.youtube.com/channel/UCRSTBROeXzQT260lCfbneRw

 

controcorrente

Posted in Territorio.

Lascia un commento