vertical forest

Un bosco verticale. Libretto di istruzioni per il prototipo di una città foresta.

Un bosco verticale” è il libro in cui Stefano Boeri racconta il progetto di quello che è diventato, persino prima di essere terminato, uno degli edifici più emblematici di Milano. Un tentativo di introdurre nell’architettura un concetto che fino ad ora ne è stato del tutto estraneo: la biodiversità. Il bosco verticale non è infatti un edificio pensato unicamente per essere abitato da degli esseri umani, ma anche da altre specie (uccelli, insetti) che l’inarrestabile predominio del cemento ha scacciato dalle nostre città.

Immaginare un futuro sostenibile e un’architettura innovativa per le nostre città è possibile. Lo fa nel suo lavoro di tutti i giorni un architetto come Stefano Boeri: la sua ultima opera, il Bosco Verticale, è stata premiata come Migliore Architettura del Mondo nel 2015.

Un bosco verticale. Libretto di istruzioni per il prototipo di una città foresta. Ediz. italiana e inglese

un bosco verticale

Il libro è diviso in quattro parti: “Alberi e umani”, un testo che racconta la nascita e lo sviluppo del progetto; “Storie dal Bosco Verticale”, con alcuni piccoli racconti illustrati da Zosia Dzierżawska; il “Dizionario illustrato del Bosco Verticale in 100 voci”, che raccoglie i concetti chiave del progetto; e infine “Bosco Verticale: Imparare dal I BV”, che modellizza l’esperienza per permettere la riproduzione altrove di progetti analoghi.
Il Bosco Verticale è risultato vincitore di numerose competizioni: oltre all’International Highrise Award, di cui è stato insignito nel 2014, nel 2015 si è aggiudicato il premio come «grattacielo più bello e innovativo del mondo», secondo una classifica redatta dal Council on Tall Buildings and Urban Habitat.

Video intervista al Wired Next Fest Stefano Boeri dialoga con Luca Molinari:

http://www.wired.it/tv/larchitettura-del-futuro-secondo-stefano-boeri/

 

 

Posted in libri and tagged , , , , .

Lascia un commento