vini cantina Ortenzi

Cantina Ortenzi

La Cantina Ortenzi

è sul mercato Internazionale dal 2011 ma l’arte vitivinicola in suo possesso ha radici antichissime.
La famiglia Ortenzi, impegnata in altro settore dell’economia, decide poco meno di dieci anni fa d’intraprendere in viticoltura, dedicando a questa attività poco più di due ettari di proprietà, in zona collinare esposta e ventilata, a ridosso dell’ex seminario arcivescovile di Fermo, a due passi dal centro storico della città. 

La Vigna è posizionata a  200m  d’altezza dal mare, sul Colle Vissiano;  la sua posizione gli dona una particolare ventilazione dove i grappoli vengono maturati al sole del sud ed asciugati dal vento dell’est.

Grazie alle continue innovazioni introdotte nei processi produttivi ed al rispetto delle direttive Comunitarie che disciplinano i suoi marchi, si pone sul mercato con vini dall’ ottimo rapporto qualità / prezzo.

La cura dei vitigni viene fatta a mano permettendo di selezionare i grappoli migliori.

VINI Cantina Ortenzi

PASSERINA IGP 13% “Chrisor”
La Passerina viene prodotta con uno dei migliori vitigni marchigiani ed esprime sensazioni di freschezza e armonia. Si presenta di colore giallo paglierino, riflessi dorati. I profumi sono tipici della frutta tropicale e di fiori bianchi, ginestra. Un vitigno autoctono (tipico delle marche anticamente era usato per dare sapore a vini come il Falerio ) ora si lavora in purezza per avere un prodotto unico 100% passerina 7 mesi in botti d’acciaio e da 3 a 6 mesi in bottiglia.13% Il nome deriva tra il mix tra nome e cognome del proprietario.

FALERIO PECORINO DOP 14,5% “Amos”

Il Falerio Pecorino dop “AMOS” (dominazione di origine protetta, che prende il posto di doc che è controllata) in purezza dal colore giallo paglierino con riflessi dorati. Profumo fruttato e floreale con sentori di erbe balsamiche, biancospino e banana. Gusto avvolgente, in bocca è molto caldo ed è supportato da una buona acidità. 14,5° Vincitore del Diploma di Merito al Concorso nazionale vini da pesce (concorso che si svolge in Ancona da 60 anni) Il nome dell’uva del Pecorino (uva chiamato come il vino) che a preso il nome dato che era mangiata dai pecorai che portavano al pascolo le pecore nei monti sottostanti ai Sibillini ed Amos è il nome di un pecoraio e profeta dell’Antico Testamento .

PREMIATO CON DIPLOMA DI MERITO “1 Selezione INTERNAZIONALE VINI DA PESCE”

ROSSO PICENO DOP 14% “Baruc”

Il  Rosso Piceno dop”BARUC” 14° dal colore rosso rubino , al naso la fragranza è fruttata per un fine e selezionato bouquet con aromi post-fermentativi. Al palato è asciutto, sapido e gradevolmente tannico. Normalmente tutti i rossi Piceni sono solo con vitigni di Montepulciano e Sangiovese il nostro invece a all’interno la Lacrima da noi importata a Fermo da Morro d’alba anch’essa un vitigno autoctono delle marche questo ci è stato permesso perché sul disciplinare del rosso piceno ammette di aggiungere fino al 15% un vitigno a scelta e quando si tratto di scegliere tutti non scelgono niente quindi la nostra scelta ponderata deriva nel creare un prodotto unico e molto più gradevole.

Il nome Baruc forte e deciso come il nostro vino da un senso di invecchiamento in Botti di legno che noi teniamo in azienda, anch’esso è un nome che si usava millenni fa e deriva da un profeta dell’Antico Testamento.

 

Tutte le fotografie e i testi sono proprietà dell’autore e non possono essere riprodotti o utilizzati senza esplicito permesso.

Acquista

Posted in Enogastronomia and tagged , , , , , , , , , , , , , .

One Comment

  1. Pingback: Itinerari gastronomici - MarchePlace; Le Marche in un blog

Lascia un commento